NEWSLETTER DI AGOSTO

Questa è la newsletter gratuita prodotta dallo Studio De Pas per divulgare l’informazione. I destinatari sono psicologi, psicoterapeuti, medici, insegnanti, e utenti.

All’indirizzo info@curarelabalbuzie.it si possono inviare osservazioni, domande, contributi da pubblicare sulle prossime newsletter o sul sito www.curarelabalbuzie.it, oltre a pareri e suggerimenti.   

Roberto De Pas

---

Venerdì 15 settembre 2017  si terrà presso lo Sudio De Pas

 Un Incontro sulla Balbuzie

 Verrà presentato il

Progetto "Teatro Per la Cura della Balbuzie"

 Sarà possibile ricevere consulenze e informazioni gratuite sul tema Balbuzie. Riservando telefonicamente o via mail un appuntamento, sarà possibile avere un Primo Colloquio gratuito (esclusivamente dedicato alla Balbuzie). L'Incontro durerà per l'intera giornata, dedicata a conversazioni anche puramente informali su Psicologia e Balbuzie: notizie, vissuti, comunicazioni, domande. Rivolto anche a Studenti delle Facoltà di Psicologia.

Lo Studio De Pas è in Via Maddalena 1, Milano.

Tel. 02 805 24 25

email: roberto.depas@tiscali.it

---

Il Teatro nella Cura della Balbuzie

Prima parte: le cause della balbuzie. Ricerche e teorie

La BALBUZIE ha cause psicologiche. Secondo altri ricercatori, o operatori, le cause sarebbero neurologiche. Alberto Angarano: I fattori che possono spiegare l’eziologia della balbuzie sono di tipo: neurobiologico, ambientale, psicologico e linguistico,  in: Discutendo di… balbuzie, a cura di Maria Teresa Ingenito, Franco Angeli, Milano, 2012, p. 26.(...) Leggi tutto.

---

Umanesimo e arte teatrale nella cura della balbuzie. Una ricerca su identità e linguaggio.

Nel 1486, Pico della Mirandola inizia il De Hominis dignitate, (Antenore ed. 1974) considerato discorso fondatore dell’Umanesimo, con il mito che narra della nascita dell’uomo sulla terra. Le cose sarebbero andate così: il supremo Architetto, il Demiurgo, dopo aver creato il mondo secondo la sua impenetrabile saggezza, sentì il bisogno di un ammiratore, con cui condividere la propria magnifica costruzione, cioè di un essere capace di riconoscere la ragione della sua opera, capace di amarla per la sua bellezza. Pensò allora di creare l’uomo. Ma tutto era già stato fatto, e non c’era più nessun archetipo, tutto era già stato utilizzato. Racconta Pico che Dio, allora, (...) Leggi tutto.

---